Segui tramite e-mail

Condividi?!

Condividi su FriendFeed GiornaleBlog Notizie Blog di Cucina
Seguimi su Pinspire

CMRicette @ Bloglovin, Pinterest e Pinspire

Follow Cocina y recetas Follow La cucina, le ricette, i vini, le birre, i ristoranti e la gastronomia. Con foto e video Seguimi su Pinspire Follow Me on Pinterest

Google Plus

Lettori fissi

giovedì 11 luglio 2013

Gli spaghetti con gamberi, curry biologico e cipolla di Giarratana

Una mia rielaborazione di una ricetta - che sembra veloce e semplice - di una casa produttrice di pasta, per me con molti ingredienti siciliani. 

Premetto che dovete fare molta attenzione al curry serale perché, a quanto pare, non faciliterebbe il sonno (spero di scriverne qui). Così come scriverò in questo blog - prima o poi - della coltivazione delle cipolle, del timo e della maggiorana, qui dei ricettari con questi ingredienti e qui sui luoghi da visitare legati ad alcuni di questi ingredienti.

Per quattro persone sono necessari quattrocento grammi di spaghetti biologici, cinquanta grammi di burro, una cipolla di Giarratana (Rg), centocinquanta grammi di gamberetti lessati, duecentocinquanta grammi di panna, un cucchiaino di curry biologico, timo, maggiorana e sale.

In un pentolino facciamo rosolare il burro e la cipolla tritata fine; si uniscono i gamberetti, la panna, la maggiorana, il timo ed il curry. Quindi, si fa addensare il sugo a fiamma bassa mescolando con mota attenzione e si cuociono gli spaghetti in abbondante acqua salata, aggiungendo a fine cottura e dopo avere scolato la pasta, il sugo.

Giovedì undici luglio '13

giovedì 4 luglio 2013

La marmellata di fichidindia di Santa Margherita Belice (Ag) ed il ficodindia Bastardone etneo di Santa Maria Licodia

Chissà, magari un giorno coltiverò qualche varietà di ficodindia biologico e ne scriverò su questo mio blog.



Potrò, così, cucinarvi qualche dolce al ficodindia suggerendovi, probabilmente, su questo mio altro blog, qualche dritta per diminuire l'apporto di zuccheri e, magari, cercandovi anche, per un terzo mio blog e per un quarto tante e tante altre ricette o i luoghi gastronomici del ficodindia in Sicilia, in Italia, in Europa e nel mondo.   



Intanto godetevi la ricetta della marmellata di fichidindia (per me quasi sicuramente di Santa Margherita di Belice, in provincia di Agrigento), pubblicata nelle mie pagine Fichidindia e Marmellata di fichidindia di CMRicette su StumbleUpon



Per ogni chilo di fichidindia servono seicento grammi di zucchero ed il succo di limone. Necessario non essere punti, mentre si taglia il frutto e... schiacciarlo e renderlo ancora di più poltiglia nel passaverdure (dovrebbe essere un'operazione assolutamente divertente).

Quindi, la purea passerà in una pentola capiente, con lo zucchero ed il succo di limone; si cuoce a fuoco basso, mescolando spesso, facendo bollire per trenta minuti, finché la poltiglia non diventerà densa. Si fa, dunque, raffreddare la marmellata e... la si gusta.

PS. Nella terzultima pagina linkata qui sopra c'è un rimando ad un servizio di Lucia Basso della Tgr Sicilia per L'Italia del Settimanale di Raitre sul ficodindia "bastardone" etneo di Santa Maria di Licodia. 

Un'intervista agli imprenditori Mario Marino ed Angelo Capace, immagini di Giovanni Marano e montaggio di Pino Marano. E si parla di Cristoforo Colombo...

Giovedì quattro luglio '13

mercoledì 3 luglio 2013

Il formaggio Ragusano ed il caciocavallo dei monti Sicani

Animali e formaggi, numerosi i presidi Slow Food della provincia di Ragusa: sono la razza modicana - una razza bovina che produce il Ragusano (un formaggio) ed il caciocavallo dei monti Sicani - e l'asino ragusano.

Chissà se una persona che conosco, il dottor Massimo Brucato, autore del blog SlowFoodAg, ha parlato di questi formaggi ad un workshop sui sapori iblei...   

Mercoledì tre di luglio '13

Il fagiolo rosacuciaro di Scicli e la cipolla di Giarratana, provincia di Ragusa

Fra i presidi Slow Food della provincia di Ragusa il fagiolo cosaruciaro di Scicli e la cipolla di Giarratana. E, forse, ci sarà anche la fava cottoia di Modica...

E... come mi è venuta l'idea di scrivervi di questa tradizione gastronomica dell'Est della Sicilia? Semplicissimo: una persona che conosco, l'autore del blog SlowFoodAg, il dottor Massimo Brucato, ha curato, insieme al dottore Ignazio Vassallo della condotta Slow Food di Agrigento, ha curato la presentazione di un workshop sui sapori iblei.   

Mercoledì tre di luglio '13
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Si è verificato un errore nel gadget
Si è verificato un errore nel gadget

Sociable

AddThis

ShareThis

AddToAny e Diggita

Dizionari e libri

Ricettario equo e solidale

Ortaggi e zuppe

I limoni e le arance

http://www.amazon.it/America-Liconografia-commericale-Sicilia-Catalogo/dp/8876811583/ref=sr_1_1?ie=UTF8&qid=1325351473&sr=8-1

I vini e la Sicilia

Forno - Amazon

Antonella Clerici - Amazon.it